Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

gennaio: 2013
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio

Online



Adio Kerida… Il Giorno della Memoria alla Sinagoga di Senigallia

Adio Kerida…

Gli ebrei dei Balcani
da Jasenovac alla Haggadah di Sarajevo

Giorno della Memoria 2013
Sinagoga di Senigallia
27 gennaio ore 18

mail Html

Il racconto degli ebrei dei Balcani, la comunità più numerosa d’Europa, si sviluppa attraverso tre date simbolo, l’arrivo dei sefarditi in seguito all’espulsione dalla Spagna nel 1492, l’apertura del campo di Jasenovac, il più grande dei Balcani, aperto nel 1942, dove durante la Seconda Guerra Mondiale trovarono la morte serbi, zingari, musulmani, ebrei, oppositori politici croati e molti bambini di età compresa tra i tre mesi e i quattro anni, e nel 1992 il nuovo esodo silenzioso degli ebrei dalla città di Sarajevo, assediata nell’ultima guerra.
Jasenovac viene raccontata attraverso i versi del poema “La fossa”, di Ivan Goran Kovacic, dove Sion viene nominata come il luogo da dove proviene la luce, casualmente nell’anniversario della sua nascita (1913) e della sua morte, (fu ucciso nel 1943).
Questa storia, punteggiata da date che ci parlano come numeri della kabbalah si conclude significativamente con la storia del salvataggio della preziosa Haggadah di Sarajevo, ad opera di “veggenti” intellettuali, protettori e amici della cultura, che la mettono al riparo assieme ad altri libri preziosi nel caveau della Banca Nazionale di Bosnia.
Proprio dalla Bosnia parte questo viaggio della Memoria, dove a pochi chilometri da noi, solo venti anni fa, nel cuore dell’Europa, è stata nuovamente e sistematicamente perpetrata la pratica assurda del genocidio.

Alcune canzoni e ballate tradizionali sefardite punteggiano la narrazione, rivelando spazi di memoria legati a radici profonde.
La proiezione dell’ultima scena del film “Adio Kerida” della regista bosniaca Vesna Ljubic, da lei personalmente e gentilmente concessa, concluderà questo racconto della memoria.
Le letture dei brani saranno eseguite dall’attrice Roberta Biagiarelli che della Bosnia ha fatto quasi una seconda casa.
I brani musicali, accompagnati all’arpa da Lucia Galli e dalla musicista croata Josipa Tikvicki al violoncello, sono cantati da Antonella Vento e dal baritono Alen Abdagic da Sarajevo a testimoniare la volontà di un intento comune che travalica qualsiasi divisione territoriale, etnica e religiosa.

L’evento è organizzato dalla Comunità ebraica di Ancona, in collaborazione con l’Associazione NonCantoPerCantare e la Diocesi di Senigallia. Con il patrocinio del Comune di Senigallia.

2 Risposte a “Adio Kerida… Il Giorno della Memoria alla Sinagoga di Senigallia”


  1. 1 giuseppe di mauro Gen 26th, 2013 at 10:27 am

    …grazie Valeria per il modo raffinato e competente con cui ci doni la vita culturale di Senigallia…conosco da sempre Antonella Vento,è una grande artista con la quale ho avuto l’onore e il piacere di lavorare in uno spettacolo che ricordo con grande piacere e affetto…ho conosciuto gli Artisti che si esibiranno con Lei…sara’ tutto molto bello…buona giornata a tutti..beppe

  2. 2 Valeria Bellagamba Gen 26th, 2013 at 6:10 pm

    Grazie a te Giuseppe per l’attenzione e la gentilezza.
    Domani troverai in Sinagoga anche la mia amica attrice Roberta Biagiarelli, impegnata in diverse letture: è molto brava.

    Purtroppo la coincidenza con altre iniziative non mi permetterà di partecipare… infatti ho già preso i biglietti per lo spettacolo di Marco Paolini alla Fenice, che si terrà in contemporanea… pazienza!

    Comunque ti consiglio vivamente di andare! 🙂

    Un caro saluto
    Valeria

Lascia un commento