Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

Calendario

Maggio: 2021
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Poesia Onesta 2021, Premio internazionale di poesia e narrativa in italiano e dialetto

Uscito il bando per partecipare all’edizione 2021 del Premio internazionale di poesia e narrativa in italiano e dialetto “Poesia Onesta“, organizzato dall’Associazione Culturale Versante di Agugliano (Ancona).

Il Premio si articola in 4 sezioni a tema libero. Possono partecipare italiani ed europei purché scrivano in italiano o in uno dei dialetti italiani e lingue
di minoranza. Ogni autore può partecipare a tutte le sezioni.

Le quattro sezioni del Premio:

A – Raccolta di 10 poesie inedite in italiano.
B – Raccolta di 10 poesie inedite nei dialetti italiani e lingue di minoranza, con traduzione in italiano.
C – Racconto breve inedito in italiano.
D – Libro edito di poesie in italiano (dal 2015 al 21/03/2021).

Il termine di scadenza per partecipare è il 30 giugno 2021. Entro questa data vanno inviati gli elaborati nelle modalità e all’indirizzo indicati nel bando, pubblicato sul sito web dell’Associazione Versante:
www.associazioneversante.it

Palazzo Gherardi tra i Luoghi del Cuore del FAI

Palazzo Gherardi, quando ospitava l’Albergo Roma

Votiamo Palazzo Gherardi di Senigallia per i Luoghi del Cuore del FAI.

In questo modo potremo aiutare il recupero del palazzo, da tempo abbandonato, nel cuore della città. Mancano pochissimi giorni alla conclusione delle votazioni.

Si vota a questo link: https://www.fondoambiente.it/luoghi/PALAZZO-GHERARDI?ldc

Palazzo Gherardi

Storica sede del Liceo Classico di Senigallia e della Biblioteca comunale, Palazzo Gherardi è stato lasciato nella seconda metà dell’800 al Comune di Senigallia dal conte Adolfo Gherardi-Benigni di Montalboddo.

Il palazzo ha una storia molto interessante, legata all’affermarsi della città di Senigallia come punto di riferimento turistico balneare. Nel 1877 furono deliberati i lavori per trasformarlo in albergo. Nacque così l’Albergo Roma, che aveva 30 camere (20 di prima classe e 10 di seconda) ed era aperto dal 1° giugno al 15 settembre, per ospitare sia i turisti dello Stabilimento di Bagni Marini che i visitatori e i mercanti della Fiera Franca. La sua apertura diede il via a una profonda opera di risanamento della città, che riguardò il Ghetto ebraico adiacente (che fu abbattuto) e il rione Porto.

Nei primi del ‘900 l’albergo ospitò il compositore Pietro Mascagni che era in città per rappresentare una sua opera al teatro “La Fenice”.

Successivamente, a partire dal 1934, Palazzo Gherardi è stato utilizzato come sede del Liceo Classico G. Perticari e nel mezzanino si trova ancora il Gabinetto Scientifico, di proprietà del Liceo, che contiene una raccolta di strumenti otto-novecenteschi di pregevole valore storico.

Dopo il terremoto, che ha colpito le Marche nel 1997, l’edificio è diventato inagibile e per recuperarlo è necessario un importante restauro conservativo. Le imponenti dimensioni del palazzo, le sue ampie stanze e il grande salone centrale, lo renderebbero perfetto come sede museale.

Senigallia ha ottenuto dalla Legge Regionale il riconoscimento di “Città della fotografia” ed ambisce a diventare punto di riferimento di questo settore artistico, essendo nota nel mondo come città natale del celebre fotografo Mario Giacomelli, oltre che luogo in cui hanno vissuto altri celebri protagonisti della scuola del Misa: Cavalli, Ferroni, Branzi, Camisa, Malfagia, Gambelli. Manca alla città un museo in grado di ospitare in modo adeguato sia le opere di questi importanti fotografi che altre opere d’ arte moderna, pertanto si propone questo palazzo come “Luogo del cuore”, per dare inizio a un percorso che nel tempo si riesca a trasformarlo in un pregevole e performante Museo della fotografia e dell’arte moderna.

Vi segnaliamo anche l’interessante podcast di una conferenza risalente ormai a 12 anni fa, in cui lo storico dell’arte senigalliese Donato Mori presentava la figura del conte Adolfo Gherardi insieme ala struttura e la storia del suo omonimo palazzo.Nell’intervento si discuteva anche del recupero di Palazzo Gherardi. L’articolo con il podcast è a questo indirizzo.

Assalto alla Rocca di Senigallia

Domenica 11 ottobre alle ore 18:00, presso il salone della Rocca Roveresca di Senigallia, scopriremo l’impresa di Francesco Fornaciari, “uomo dotato di grande coraggio e vigore fisico, ma di indole perversa”, che nell’anno della rivoluzione francese, per tirarsi fuori dai guai decise di occupare la Rocca.

La sua storia, tramandataci dal Vescovo Bernardino Honorati, sarà raccontata attraverso le letture di Leonardo Badioli, autore del libro “Assalto alla Rocca” (Ventura Edizioni) dedicato alla Congiura Fornaciari, Valeria Bellagamba e Antonio Maddamma.

Le letture saranno intervallate da canzoni popolari e musiche tratte da opere del XVIII secolo.

Evento realizzato da LibriSenzaCarta.it in collaborazione con la Rocca Roveresca di Senigallia.

L’evento è su prenotazione per un massimo di quindici posti; è possibile prenotare al numero 071 63258 e si può accedere con il normale biglietto d’ingresso alla Rocca.

Il podcast sulla Congiura Fornaciari: qui

Incontro con Giulia Corsalini e il suo libro “Kolja. Una storia familiare”

Ultimo incontro per la rassegna ‘Le Marche tra le righe’ giovedì 3 settembre alle ore 21.30 presso la Rotonda a mare di Senigallia con la scrittrice recanatese Giulia Corsalini (già vincitrice lo scorso anno del premio Mondello e SuperMondello, del premio Gli Asini e del premio Bergamo col suo primo romanzo “La lettrice di Cechov”) per parlare del suo secondo libro di narrativa “Kolja. Una storia familiare” (pagg. 264, €16,00, ed. nottetempo). Dialogherà con l’autrice Andrea Bacianini. La rassegna è stata organizzata dalla Libreria Iobook in collaborazione con il Comune di Senigallia e Librisenzacarta.

Così presenta il libro l’editore:

Un’estate, nella casa di un paese sul mare, una coppia separata da anni ospita tre bambini ucraini: sono Nataša e i fratelli Kolja e Katja, approdati in Italia dal loro orfanotrofio per trascorrere delle “vacanze di risanamento”. Natalia e Marcello si trovano cosí a tentare di rimettere insieme i pezzi del loro rapporto compromesso, per affrontare un’esperienza che si dimostra fin da subito spiazzante: cosa si aspettano da questi bambini estranei, difficili da decifrare e già segnati dalla vita? E cosa possono dar loro, quale illusione di concordia e fiducia, se sono i primi a non orientarsi piú nelle loro esistenze bloccate e deluse? Alla fine di una stagione divisa per tutti tra tenerezza e spaesamento, ogni cosa sembra tornare come prima, ma con un nuovo carico di dubbi e aspettative sospese: i bambini nel loro lontano orfanotrofio, Marcello ripiegato sui suoi studi latini, Natalia riassorbita dal suo temperamento ombroso. Fino a quando, durante il conflitto scoppiato in Ucraina, si perdono le tracce dell’irrequieto, fragile Kolja; e per la coppia la ricerca del bambino si allarga a interrogativi divenuti impellenti sulla responsabilità, sul senso dell’essere genitori e sulla difficile – possibile? – costruzione di una famiglia irregolare, che raccolga in sé il delicato equilibrio di cinque destini incerti e intrecciati.

In ottemperanza alle misure anti-covid i posti sono limitati, la PRENOTAZIONE anche per gli eventi gratuiti è obbligatoria da effettuarsi su www.vivaticket.it oppure presso il botteghino del Teatro La Fenice o, se ancora disponibili direttamente sul luogo dell’evento.

Giovanni Agnoloni e Paolo Ciampi a Senigallia

Gli scrittori fiorentini Giovanni Agnoloni e Paolo Ciampi arrivano a Senigallia domenica 30 agosto per presentare i loro rispettivi libri: “Viale dei silenzi” e “L’ambasciatore delle foreste“, entrambi pubblicati da Arkadia Editore. L’appuntamento è per le 21.30 alla Rotonda a Mare di Senigallia e rientra nel calendario di presentazioni estive organizzate dalla libreria Iobook di Senigallia.

Dialogherà con Giovanni Agnoloni la giornalista e blogger Valeria Bellagamba, mentre Paolo Ciampi sarà intervistato da Elsa Ravaglia, medico e ambientalista. amante della natura e vicepresidente del Gruppo Società e Ambiente di Senigallia.

Giovanni Agnoloni, nato a Firenze nel 1976, è scrittore, traduttore letterario e blogger; ha partecipato al romanzo collettivo “Il postino di Mozzi” ed è autore di una quadrilogia di romanzi distopicofilosofici sul tema di un ipotetico crollo di Internet, parzialmente pubblicata anche in Spagna e Polonia. Come saggista ha scritto, curato e tradotto diversi volumi imperniati sulle opere di J.R.R. Tolkien; ha inoltre tradotto o cotradotto saggi su Shakespeare e Bolano e libri di vari autori.

Paolo Ciampi, giornalista e scrittore fiorentino, ha lavorato per diversi quotidiani e oggi è direttore dell’Agenzia di informazione della regione Toscana; ha all’attivo una trentina di libri usciti per editori quali Mursia, Vallecchi, Giuntina, Ediciclo, Clichy. È molto attivo nella promozione degli aspetti sociali della lettura e partecipa a numerose iniziative nelle scuole.

La partecipazione è gratuita. In ottemperanza alle misure anti-covid i posti sono limitati e la prenotazione è obbligatoria, da effettuarsi presso il Teatro La Fenice venerdì e sabato dalle 17 alle 20 o sul sito vivaticket o direttamente alla Rotonda prima dell’evento.

Presentazione di “L’insaziabile” con l’autore Michele Petrucci

Mercoledì 12 agosto alle 21.30 prosegue alla Rotonda a mare di Senigallia la rassegna “Le Marche tra  le righe”, organizzata dalla libreria IoBook e da Librisenzacarta in collaborazione col Comune di Senigallia: di scena il graphic novel, ovvero il romanzo a fumetti, con la presentazione di “L’insaziabile” dell’autore fanese Michele Petrucci (pagg. 128, €18,00, ed. Coconino Press). Dialogheranno con lui Antonio Maddamma e il fumettista Davide Baldoni.

Di seguito la sinossi:

Anno 1788: il giovane contadino Tarrare, un ragazzo dall’appetito abnorme, arriva a Parigi. La città è in preda a carestie e fame: la sofferenza e la rabbia del popolo esplodono in rivolte che porteranno l’anno successivo alla presa della Bastiglia e alla caduta della monarchia. Ma al fragile e ingenuo Tarrare tutto questo interessa poco. La sua ossessione è il bisogno continuo di riempirsi lo stomaco ingurgitando qualsiasi cosa: anche animali vivi e oggetti, se manca il cibo. Cacciato di casa dalla sua famiglia, ora si esibisce per le strade come fenomeno da baraccone, insieme a una compagnia di ciarlatani: tra loro il nerboruto Vincent, un ex schiavo di Santo Domingo, e la graziosa Clarisse, della quale Tarrare si innamora.

Si arruolerà poi nell’esercito rivoluzionario, dove il suo caso attira l’attenzione dei medici e diventa oggetto di sbalorditi resoconti clinici come la Memoria sulla polifagia del dottor Baron Percy. Ma nessuno riesce a curare la sua fame inesauribile. Tarrare si ritroverà così a vagabondare per le campagne francesi, e a unirsi suo malgrado a bande di ladri e briganti. Finché, gravemente malato, torna a Parigi per cercare di ritrovare Clarisse…

Basandosi su cronache e documenti scientifici di fine Settecento, Michele Petrucci crea un graphic novel avvincente e commovente: tra richiami a film come Freaks e Barry Lyndon, dalle sue suggestive tavole ad acquerello emerge il ritratto di un personaggio enigmatico e dolente che sembra aver incarnato gli appetiti e le inquietudini di un’intera epoca.

Michele Petrucci è nato nel 1973, vive e lavora a Fano; come autore ha pubblicato “Keires” e “Sali d’argento”, tradotti anche in Francia e negli Usa, “Numeri”, “Metauro”, “Il brigante Grossi e la sua miserabile banda” e “A caccia di rane”. Ha vinto un Premio Micheluzzi al Napoli Comicon e collabora con Il Manifesto e Il Corriere della sera.

In ottemperanza alle misure anti-covid i posti sono limitati, la PRENOTAZIONE anche per gli eventi gratuiti è obbligatoria da effettuarsi su www.vivaticket.it oppure presso il botteghino del Teatro La Fenice o, se ancora disponibili direttamente sul luogo dell’evento.