Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

marzo: 2012
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Archivio

Online



Giuseppe Di Mauro legge “Donne bevute”

Con il video di oggi iniziamo una collaborazione con l’amico attore Giuseppe Di Mauro, una voce e una presenza straordinaria nel panorama teatrale italiano. I suoi recital sono stati così tanto apprezzati da Giorgio Albertazzi e da Arnoldo Foà, che quest’ultimo lo scelse come Voce Recitante per commemorare il decennale della morte di Pablo Neruda. Affascinati dalla sua figura ben da prima del nostro primo incontro con lui, accogliamo volentieri la sua proposta di donare a tutti attraverso il web le immagini e le parole registrate in varie occasioni nel corso degli ultimi anni.

Cominciamo dalla registrazione più recente, quando Giuseppe Di Mauro ha voluto leggere la pagina iniziale della raccolta di racconti “Donne bevute” di Mahè Mengarelli. Il libro è stato presentato (nella foto) sabato 19 novembre 2011 nella sala conferenze della Biblioteca Comunale Antonelliana di Senigallia grazie all’associazione “Nelversogiusto” e contiene quattro storie di donne legate all’alcolismo, alla dipendenza e all’abuso. Un libro di grande impatto emotivo, fin dalla prima pagina in cui una donna prepara come un rito a se stessa, nei minimi particolari, la sua ultima solitaria cena prima di mettere in atto quel tentativo estremo di autoaffermazione e negazione al contempo che è l’abbandono della vita. Il video è realizzato da Alessandro Castriota.

5 Risposte a “Giuseppe Di Mauro legge “Donne bevute””


  1. 1 Giacomo Verri Mar 20th, 2012 at 10:52 am

    Se l’agonia di questa donna potesse durare all’infinito… quanto sarebbe bella la sua vita!
    Grandiosa la voce di Di Mauro: sembra fatta di carne, di polpa; è un suono pietoso e profondo, è come una corda che puoi far passare tra le mani, sentendone scorrere i nodi.
    grazie Andrea

  2. 2 giuseppe di mauro Mar 21st, 2012 at 8:03 pm

    Gentile Amico,dopo aver letto il suo commennto…mi e’ venuto in mente un verso di Boris Vian:”bisogna rimanere umili”Vede io credo che, nei tempi,nessun attore si sia sentito dire cio’ che Lei ha detto a me… ho visto la mia voce stesa sopra un tavolo di anatomia e li’ essere analizzata in ogni particolare con precisione,cura ed istinto…poi mi sono rifugiato in Leopardi che in Aspasia scrive:”…ignora esecutor di musici concenti quel chei con man e con la voce adopra in chi l’ascolta” Certo lei mi ha compreso… grazie!…davvero grazie!giuseppe

  3. 3 Giacomo Verri Mar 22nd, 2012 at 10:06 pm

    grazie a lei per il dono della sua bellissima lettura, ancora.
    Dalle sue parole mi sento, a mia volta, lusingato… grazie. spero di risentire presto il corpo della sua voce

  4. 4 Marco Apr 7th, 2012 at 2:06 am

    Le carezze fatte a se stessi, prima di andar via per sempre, creano una sorta di liturgia laica che è bellissima, come la delicata riconciliazione con con la persona amata alla fine. Grazie Giacomo per questa segnalazione…La calda voce di Giuseppe di Mauro, che emana pace e serenità, mi ricorda vagamente quella di Omero Antonutti.

  5. 5 Mahè Mengarelli Lug 7th, 2014 at 7:04 pm

    Vi ringrazio tutti e spero di potervi presto regalare nuove emozioni.

Lascia un commento