Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

settembre: 2009
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Archivio

Online



Le poesie vincitrici del IV Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli”

Sabato 12 settembre a San Silvestro di Senigallia si è svolta la premiazione del IV Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli.  Qui di seguito pubblichiamo i testi delle prime tre poesie classificate di  ciascuna delle tre sezioni del concorso: lingua italiana, dialetto e sezione speciale ragazzi.

Sezione lingua italiana


1° classificata: Le mie stagioni 11-04-05 (Antonietta Calcina – Senigallia AN)

Nel mosaico dei giorni

che ha incastonato il cuore

racchiuse sono

le mie stagioni belle.

A vent’anni quanti pensieri

mi dettava il cuore,

e quanti sogni persi su strade

ricche di profumi intensi

dove le acacie

erano regine.

E bella mi sentivo

nella mia primavera,

piena di sguardi

e palpiti d’amore.

La felicità

era un vestito nuovo,

un tagli di capelli,

un ballo sull’aia,

un bacio dato

tra i covoni biondi.

Scintille di pensieri

invadono la mente,

e così torna la musica

dei frondosi pioppi,

regalo

del vento amico

delle mie stagioni belle.

2° classificata: Lacrime silenziose (Tiziana Mainero – Scurcola Marsicana AQ)

Ho mangiato acqua di sale,

ho ingoiato lacrime scure

per mostrarti i miei occhi

sempre tranquilli ed asciutti,

sicuri del proprio tempo.

Nelle giornate di gelo,

dietro i vetri opachi di alito,

ho scrutato il melo

nutrirsi di bacche

posandosi sui rovi appuntiti.

E nel vento volare…

Ho schiacchiato noci

tra le mani ruvide di fatica

e colorato il pane raffermo

per consolare i miei figli

affamati di carne e di gloria.

Nelle notti nere di stelle

ho combattuto a piedi scalzi

per proteggere la mia terra

dalla scure dei cattivi sogni

e dall’invidia dei buoni consigli.

Ho mangiato i miei sentimenti,

ho masticato il mio dolore

per nascoderti le mie incertezze

e cancellare dal cuore

la paura del coraggio.

E nell’illusione sorridere…

3° classificata: La luna ammaliatrice (Maria Pia Silvestrini – Senigallia AN)

Pennallate d’azzurro

come rivoli traboccanti nell’aria.

Onde di foglie sui rami

conservano ori, rossi, gialli.

I raggi inebrianti di una fiabesca luna

confondono rughe scavate dal tempo,

intrecciando appassionati sguardi.

Si sono ritrovati:

un brillìo di luce nei loro occhi

nello stupore dell’esserci,

raffiorante la dolcezza della voce.

Nell’incanto dell’amore,

grazia recuperano i loro movimenti

freschezza la pelle.

Arpe e violini modulano

quel dolce valzer viennese.

I respiri diventano ansanti,

danzano, piume al vento.

L’ammaliante luna

inebria di gioventù

il fuggente attimo.


Sezione dialetto


1° classificataFonte Funtecchie (Floredana De Felicibus – Atri TE)

Nustalgiche murmurie

lu cantà sulitarie de nu ruvule

che na foije sfoije

e tutte l’attraverse,

rembombe sorde de luce

là lu scatriccià lente

de gocce e de gruvije

de fecce ‘nghe li retteche

e d’edere ‘nghe li ruve.

Sta ‘ndecise na cularelle

tra li gruvije

ma dapù gocce

là llu poche spazie

de nu pugne d’acque.

Acque de muntagne e de surgente

senze surse, nè respere,

da la furie verde suffucate,

fiate sorde de cannelle

de noije che se stagne

lu ‘spettà che nen traceme.

Meravije de voce nu jurne sgargiante

voce cuntente cantarine

c’accumpagneje lu

“A chi tocche tocche” spensierate

e lu nasconnece attente

tonne tonne a lu mure de la fonte,

voce chiare e trasparente

ch’addusuleije all’ombre de li tramonte

lu pettelà a basse voce

e li canzune chiare

s li cespuije spase a lu sole,

voce de mistere

ch’arcunteje li storie

tra li cunichele e li arcate

li vasche e li fore de travocche,

‘nmezze a li signe ‘ntiche

de na strade ‘mbrecciate.

Cante de vite

‘n’accorde ‘nghè la nature,

libbere da li frunzele de uije

li marisce de la nature tò

e lu corpe come nu tempe se ferme

‘nghè la mente che vole ‘nghè na sorse!

(Nostalgico mormorio/ l’assolo di un rivolo/ che tutta una foglia sfoglia/ e tutta la percorre,/ echi sordi di riflessi/ nel dipanarsi lento/ di gocciole ed intrecci/ di felci con le ortiche/ e di edera coi rovi./ Tentenna un riganolo/ tra i groppi/ ma poi tintinna/ nel poco spazio/ d un pugno d’acqua./ Acqua di monte e di sorgente/ senza sorsi, né respiri/ dalla foga verde soffocata,/ fiato sordo di cannella/ di noia che ristagna/ di attesa che non trabocca./ Incanto di voce un dì squillante,/ voce giuliva e canterina/ che accompagnava/ conte spensierate/ e il nasconderci furtivi/ attorno ai muri della fonte,/ voce pura e cristallina/ che ascoltava all’ombra dei tramonti/ i leggeri cicalecci/ e le candide canzoni/ sulle siepi stese al sole, / voce misteriosa/ che raccontava storie/ di miti e di leggende/ fra i cunicoli (i kanat) e le arcate/ le vasche e i fori di trabocco, / tra i tratti antichi di un selciato./ Gorgheggio di vita/ connubio della natura,/ libera dagli odierni orpelli/ i flutti della tua essenza/ e il corpo come un dì sosta/ con la mente che vola in un sorso!)

2° classificata: Zoga nel vento (Claudio Beccalossi – Verona)

Zoga nel vento dei to ani

picenini e coloradi come ti,

butin mio par sempe butin.

Lassa a mi la tristessa ruspia

che ponse e stiga e siga

nel’anema tra copa e col,

tra geri ancò e doman.

Tien bota finché el sogno

del tuto bel e bon dura.

E boje el to cresin

che dise sì al piansar

col sangiòto par gnente.

Zoga nel vento e non

vardar e scuro che se leva

là in fondo, indo ghè

e ghe sarà altre iornade.

Non perdarte drìo a ci vorìa

ciaparte par man e non molarte,

contandote storie piassè

ciosse de ti, mas-ceto fiol mio.

Vegnarà anca massa in pressia

el to cressar e mi tornarò

comosso al to esser stado.

Intorcolandome a veci ridar

e lagremar par raìse che non

le sarà insieme e stesse.

Parché va ben cossita…

Zoga nel vento, butin mio.

(Gioca nel vento dei tuoi anni/ piccolini e colorati come te,/ bambino mio per sempre bambino./ Lascia a me la tristezza ruvida/ che punge e provoca e grida/ nell’anima tra coppa e collo,/ tra ieri, oggi e domani./ Tieni duro finché il sogno/ del tutto bello e uono dura./ E bolle il tuo cuoricino/ che dice sì al piangere/ col singhiozzo per niente./ Gioca nel vento e non/ guardare il buio che si leva/ là in fondo, dove ci sono/ e ci saranno altre giornate./ Non perderti dietro a chi vorrebbe/ prenderti per mano e non mollarti,/ raccontandoti storie più/ massicce di te, maschietto figlio mio./ Verà anche troppo in fretta/ il tuo crescere e io tornerò/ commosso al tuo esser stato./ Attorcigliandomi a vecchi ridere/ e lacrimare per radici che non/ saranno insieme e stesse./ Perché va bene così…/ Gioca nel vento, bambino mio)

3° classificata: Frutta selvadiga (Floriana Alberelli – Jesi AN)

Scanci, sorbe, perelle,

corbezzoli, visciole,

nespole, ciaccarelle,

more, pomi, giuggiole.

Frutta smelangolada,

niscosta ‘n mezzo ai spì,

su pe’ le fratte nada,

venuda su, cuscì

senza grascia né cura.

Frutta rrancighida

fija de ‘na nadura

ttaccagna che la vida

dal fonno se la succhia,

da ‘na pianta madrigna,

tnato sbilenca, struppia

che resiste pe’ tigna.

Fori: dura, scorzona,

drendo ‘l sole nce passa.

Cotta, scì, ch’è più bbona

perché ‘l brencio che lassa

po’ la bocca t’allappa

e nun senti dolcezza

sci nisiuno l’andacqua.

Sola, pura bellezza

che co’ l’occhi se coje

quanno ‘n par de svendade,

fatte bè, fra le foje

scopre le più velade

forme e tutti i colori

de ssa frutta nostrale,

bona drendo e de fori,

perché è naturale.

(Prugnole,  sorbe, perelle, / corbezzoli, visciole,/ nespole, noccioline,/ more, cachi, giuggiole./ Frutta malfatta,/ nascosta in mezzo agli spini,/ nata tra i cespugli,/ cresciuta così/ senza letame né cura./ Frutta piccola,/ figlia di una natura/ avara che la vita/ dal fondo se la succhia,/ da una pianta matrigna,/ tanto contorta, storpia/ che resiste testarda./ Fuori: dura, scorzona,/ dentro il sole non etra./ Cotta sì che è più buona/ perché l’asprezza che lascia/ poi ti lega i denti/ e non senti dolcezza/ se nessuna la innaffia./ Sola, pura bellezza/ che si coglie con gli occhi/ quando due folate di vento,/ abbastanza forti fra le foglie/ scoprono le più velate forme e tutti i colori/ di questa nostra frutta,/ buona dentro e fuori,/ perché è naturale.)

Sezione speciale ragazzi

1° classificata: Tocco d’artista (Tommaso Tinti – Ozzano Emilia BO)

Nell’ombra degli ulivi,

sull’orlo del mare.

Al tramonto del sole,

al cadere di una foglia.

Nel passeggiare nel bosco,

nel correre sui monti bagnati.

C’è qualcosa

come un germoglio fiorito,

come una stella cadente.

Ogni cosa ce l’ha,

è una sfumatura,

è un tocco d’arte,

una semplice pennellata

e, tutto prende gioia:

i colori, la vita…!

2° classificata: Per un amico in cielo (Alessandra Cavallari – Senigallia AN)

Caro amico,
tu ci hai lasciati
qua soli e disperati.
Ci potevi salutare, magari di sfuggita,
invece no! Se ne è andata la tua vita!
La gioia, il divertimento,
che ti rendeva tanto contento.
Ora di te solo il corpo abbiamo,
perchè l’anima, prenderla, non possiamo!
I bei ricordi, i giorni felici……..
ma soprattutto i tuoi amici,
che restan silenziosi e tristi
aspettando miracoli mai visti.
Si intende la resurrezione,
unita a una canzone
che fa così:
“Amico, amico, amico torna qui”!

3° classificata: L’amicizia è come… (Mauro Ercoli e Vittorio Rinaldi –  Montelupone MC)

L’amicizia è come un ponte

che unisce le persone

e e fa felici.

E’ difficile che crolli,

solo quando il male causa la piena

e distrugge ogni legame.

L’amicizia è come una biblioteca

piena di libri e amici,

ogni tanto può capitare

che qualcuno cada a  terra

ma è sicuro che dopo

un po’ ritornerà da te

perché solo non ti lascerà.

L’amicizia è come un arcobaleno,

bella,

che sicrea

dopo ogni discussione,

sempre più forte,

ampia,

e libera di viaggiare nel cielo cristallino.

L’amicizia è come un libro aperto,

dove ogni individuo conosce l’altro

e viceversa;

dove ognuno può scrivere la sua piccola storia,

descrivere il suo volto

e sprigionare l’amore che è dentro di sé

perché senza amore non c’è vita.

Questa è l’amicizia.

0 Risposte a “Le poesie vincitrici del IV Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli””


  1. Nessun commento

Lascia un commento