Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

dicembre: 2012
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Archivio

Online



Giuseppe Di Mauro recita “’A livella” di Totò

Totò“La recitavo sempre in chiusura dei miei recital, era l’ideale per smorzare piano piano la sospensione poetica con un po’ d’ironia e far uscire con un buon ricordo gli spettatori dalla sala. E il pubblico l’ha sempre amata molto” dice Giuseppe Di Mauro parlandoci di ‘A livella, la più famosa poesia scritta dal cosiddetto ‘principe della risata’ Antonio De Curtis, in arte Totò.  Si sono sprecate nel corso degli anni le definizioni per il genio comico dell’attore napoletano e tutti l’hanno ammirato e lo possono ammirare nei numerosi film a cui prese parte. Quello che per lungo tempo rimase sullo sfondo è la sua passione per la parola della musica e della poesia. Scrisse diverse canzoni, tra le quali la celebre Malafemmena nel 1951 (dedicata alla moglie Diana), e pubblicò anche una raccolta di poesie intitolata proprio ‘A livella nel 1964 (la poesia omonima, in realtà, era già apparsa in appendice ad un altro libro di Totò, Siamo uomini o caporali?). Altre sue poesie furono raccolte e pubblicate postume da Franca Faldini, la compagna degli ultimi anni di vita (Dedicate all’amore).

Nato nel popolare Rione Sanità nel 1898 da una relazione prima illegittima e solo dopo una ventina d’anni sancita da un matrimonio, fu riconosciuto come figlio anche legalmente soltanto alle soglie dei 40 anni, circa un lustro dopo che si era fatto adottare da un marchese. Ebbe dunque un singolare rapporto con i titoli nobiliari e le differenze sociali, che però nulla più conteranno al momento dell’incontro con la terribile livella che è la Morte. In un linguaggio caratterizzato dalla forte, ma non esclusiva, presenza del dialetto napoletano, la poesia inscena un animato dialogo in endecasillabi tra le ombre di un nobiluomo e di uno scopino solo per caso sepolti l’uno accanto all’altro. Vi assiste suo malgrado il 2 novembre di un non precisato anno la voce narrante/Totò, che commette l’imprudenza di attardarsi ad osservare le lapidi troppo da presso all’ora di chiusura.

Il ‘principe della risata’, mi dice sorridendo Giuseppe, “ci vuole invitare ad esser seri almeno di fronte alla morte”. A far da sottofondo a questo video, diretto e interpretato da Giuseppe Di Mauro e realizzato da Roger Conti, le musiche di John Williams.

‘A livella

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà’ chesta crianza;
ognuno adda tené’ chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

‘St’anno m’é capitato ‘n avventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

“Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31”

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo ‘stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’ rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: ‘stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘o muorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo.. calmo calmo,
dicette a don Gennaro: “Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente”

“Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’ nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo’, obbj’… ‘nd’a ‘stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.

“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!”

“Famme vedé’.. -piglia ‘sta violenza…
‘A verità, Marché’, mme so’ scucciato
‘e te sentì’; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so’ mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capì’, ca simmo eguale?…
… Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘nato é tale e quale”.

“Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?”.

“Tu qua’ Natale… Pasca e ‘Ppifania!!!
T’ ‘o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?
‘A morte ‘o ssaje ched’ ‘e?… è ‘na livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’ ‘o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssentì’… nun fa ‘o restivo,
suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo a mmorte!”

6 Risposte a “Giuseppe Di Mauro recita “’A livella” di Totò”


  1. 1 giuseppe di mauro Dic 22nd, 2012 at 7:54 pm

    …AUGURI GRANDI GRANDI A TUTTI GLI AMICI DI LIBRI SENZA CARTA…SOPRATTUTTO A CHI CI SEGUE DALL’ARGENTINA

  2. 2 Valeria Bellagamba Dic 24th, 2012 at 12:09 pm

    Grazie Giuseppe! Tanti cari auguri a te!

  3. 3 mauro marcellini Dic 27th, 2012 at 3:04 pm

    Grande Beppe! Tanti auguri !

  4. 4 giuseppe di mauro Dic 28th, 2012 at 8:22 am

    RIASSUMO: “SERENITA! SALUTE! ALLEGRIA! FELICITA’ A TUTTI”…A TE MAURO ANCHE UN GRANDE GRAZIE PER IL TUO APPREZZAMENTO…BEPPE

  5. 5 matilde avenali Gen 4th, 2013 at 6:06 pm

    Grazie Beppe, per aver onorato ancora una volta la poesia con la tua capacità artistica.
    Sì, è vero, spesso saluti il pubblico – a chiusura di un recital – con questo testo così semplice e profondo a tal punto da essere ogni volta motivo epifànico, per la sua capacità di far emergere lo spirito della condizione umana e far “apparire” al tempo stesso il senso della vita, nella sua innocenza originaria.
    Quindi, alla fine di uno spettacolo – forse più di ogni altro – questo testo lega il pubblico alla poesia, alla sua ricchezza di verità nel portare in evidenza la potenza del vero ed al contempo la nullità, se non il ridicolo, della sua mistificazione.
    Il lavoro di rappresentazione musicale e figurativa, attraverso il DVD che hai realizzato insieme ai tuoi collaboratori, agibile anche in You Tube, qui si è ulteriormente proteso non solo a creare un contesto d’immagine e suono aderenti al testo, ma anche ad accogliere una particolare varietà di personaggi e quindi di voci e di toni.
    Di questa varietà ti rendi sottile interprete, con la maestrìa istrionica della tua recitazione che rende “sensibili”, “percettibili” ed intimamente “visibili”, nel palcoscenico interiore di chi ascolta, soggetti molto diversi tra loro, che vengono incontro in modo distinto per tuo tramite.
    Ancora una volta grazie. E Buona Epifanìa…

  6. 6 giuseppe di mauro Gen 4th, 2013 at 11:04 pm

    ….E’ SEMPRE STIMOLANTE LEGGERE I TUOI COMMENTI, CARA MATILDE…TU SAI PENETRARE IL SIGNIFICATO NASCOSTO DELLA POESIA E COGLIERNE L’ESSENZA… ED IO TI RINGRAZIO DI CUORE PER LE TUE SEMPRE CARE PAROLE…CAPIRE LA VITA E’ SEMPLICE…BASTA NON COMPLICARLA…IL MIO AFFETTO A TUTTI…BEPPE

Lascia un commento