Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

settembre: 2011
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Archivio

Online



Le poesie vincitrici del VI Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli”

Sabato 3 settembre 2011 a San Silvestro di Senigallia si è svolta la cerimonia di premiazione del VI Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli”. Qui di seguito pubblichiamo i testi delle prime tre poesie classificate di ciascuna delle due sezioni principali del concorso: lingua italiana e dialetto.

Il premio Sezione speciale ragazzi è  stato conferito alla classe 5 B della scuola primaria G. Pascoli di Senigallia, coordinata dal prof. Luciano Montesi, “per il lavoro collettivo di teoresi e prassi della poesia, felice incontro, da sempre, di genio ed arte“.

 

Sezione poesia in lingua italiana

 1° classificata: La porta socchiusa (Rodolfo Vettorello – Milano)

 Ti sarà parso, credo, in quel momento
che tutti se ne andassero e tu sola
dovessi stare a dipanare il filo
di quella spola.
Hai trattenuto il fiato lungamente,
come fanno i bambini, nei singulti,
sperando fosse facile morire.
Volevi farlo dandoci soltanto
il piccolo dolore che si prova
tutte le sere, all’ora dei saluti.
Volevi che accadesse
come quando
mandavi, sulla punta delle dita,
un bacio, socchiudendola la porta.
Se mi sveglio per caso nella notte,
io confondo le lucciole impazzite
con le stelle cadenti
e il tuo dolce parlarmi sorridendo
col canto degli arcangeli celesti.
Ma ormai tu taci
e brillano i tuoi occhi silenziosi
attraverso il frusciare delle ciglia
e raccontano storie di universi
che tu sola intravedi.
Gli occhi soltanto dicono la storia
del moto dei pianeti
e l’armonia degli astri e se li chiudi
si chiuderà,
per sempre questa volta,
la porta che tenevi un po’ socchiusa.

Motivazione:

Poeta d’ispirazione classica, tradizionale nella metrica, antinovecentista nella prassi, su qualla linea che da Leopardi e Saba conduce a Sbarbaro, Rodolfo Vettorello, con “La porta socchiusa,” ci ha offerto un miracolo raro di bellezza. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “La porta socchiusa” meritevole del 1° posto nella sezione poesia in lingua italiana.

2° classificata: Visioni a Istanbul (Giacomo Giannone – Torino)

Volti di fanciulle dal hijab
stretti
s’involano per le vie di
Sultanahmet
ninfee dal gambo recise
nuotanti su acque
di mare
languide al “Al semsettin’ in
rayasi”*
si arrendono al primo sussulto
del cuore
timide in veste di lino
chiedono
alla Medusa nel pozzo
quale il loro destino
gabbianelle nel cielo azzurro
spoglie d’antico
costume
posate sul ponte Galata
un sogno vagheggiano
seguire
il sole al tramonto
*canto orientale

Motivazione:

Elegante poesia di fascinazione orientale, pienamente simbolista, nella quale astrazione e metafora sconfinano arditamente nell’allegoria. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “Visioni a Istanbul” meritevole del 2° posto nella sezione poesia in lingua italiana.

3° classificata: Su un unico binario (Letizia Greganti – Marina di Montemarciano, AN)

Capo rigido, occhi chiusi
sul divano seduto
teso come fiore
a stringere con spasimo
i suoi ultimi petali.
Ferisce come gufo nella notte
il mio sussurrare:
dormi? “No, pens.”
Giro e rigiro quel pens;
per capire, dove sei
dove stai andando.
Vorrei poterti prendere
per mano : ma il pensiero
caro fratello è un treno che va
entro e oltre il mondo
avanti, indietro solitario
su unico binario
senza scambio
e un solo passeggero.

Motivazione:

Se la vita ha compagni di strada, compagni non ha, di strada, il pensiero: “…è un treno che va / entro e oltre il mondo / avanti, indietro solitario / su un unico binario / senza scambio / e un solo passeggero”. Parola d’autore. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “Su un unico binario” meritevole del 3° posto nella sezione poesia in lingua italiana.

 

Sezione poesia in dialetto

1° classificata: Razejelle (Michele Micunco – Altamura, BA)
Ne ialzemme stimma stante
Come sembe e’ quatte de notte
Ierre, m’arrecorde nu venerdì,
fore na negghia butteine
abbugghiaje i luscie e la streite
ierre preste pe fè dì
m’arrecorde come ‘nge fuesse mò
ca pure ca tenive l’occhiere de lu sènne
che lu vuelte a rise coma na creiature
m’accarezzeste i prime capidde bianghe.
A chedda vanne i uagnune durmuaine angore
Pe lore ierre prèste pe gì alla scole.

Razejèlle berafatta
chedda matìne, ierre u maise d’ottobre
stìve a preparè latte e cafè
jè te vulàje abbrazzè
prime de scì a venemè
ma tu, come tutte li dì, aviva fùscie
come sèmbe, da tant’anne.
La machene de lu capurèile te stàje ad’aspettè
ìnde stàine li tuò cumbàgne pe gì a fatijè
luntèine da caste, chedda matine a Policoro.

Come fusciàje lu capurèile che la màchene ,cìtte cìtte de nòtte
na n’arreivàime mè,avaje do iore ca n’avàime abbejeite
doppe qualche paraule e nu buongiorno sckitte,
durmuàine tutte come sembe
e ascunnàine accuscelèite u sènne
che li capere appuggièjte o’ vitre fridde,
sobbè sedili rusuchuèite do’ timpe
e na’ puzze di benzìne e rumuèite sicche ,lèrcie
ienghiaine achessì de penzirre e de nu pìcche de calle
chedda skatele de sperànze e di fatì.

Paràje na rèisce de sàule
Chedda lùscie de lu fanèile m’nza la strèite
E naùne, ièrre u ràscke de la morte
ca stàje avuantè cudde pugnùne de fèmene
pe nesciùnne de loro rumanì
nu penzìrre, nu mumènte
pe n’ultema trementute o’cìlle, o’ saule ca assaje
e u’ senne tù, se stutò astimma stante

Razejelle, mo tinne ù culàure de la lùne
Pedda frèdde coma la nàive quanne’ u mùnne je cìtte
Vicìne a tutte chidd’àlte dulùre senza culàure
Senza chiù na rìse
Te vègne rèite chi recuèrde
Pe na scurdè li sònnere taje rumuese sciusciete
chidde ca a’ lasseite sobbo’vitre angore appannèite
Da na vìte senza pejetè
Chèdda fatta de dì senza na stòrie
Aqquanne na rìsa stànghe
Iènghjàie chessa chèise , ca mò jè sckìtte la nòste
Senza taje vicìne a màje
Razejèlle, statte bòne, core mì.

[Graziella -trad. in italiano a cura dell’autore

Ci alzammo insieme dal letto
come sempre alle quattro di notte
Era, ricordo, un venerdì
Fuori una nuvola di nebbia
nascondeva, le luci e la strada
Era ancora presto per fare giorno
mi ricordo ancora, come fosse ora
che anche se avevi gli occhi stanchi
mi sorridesti come una bambina
carezzando i miei primi capelli bianchi
nell’altra stanza i ragazzi dormivano
era troppo presto per loro,
per i nostri figli, andare a scuola.

Graziella, quanto eri bella
quella mattina di ottobre
mentre preparavi il latte e il caffè
ti avrei voluto abbracciare
prima di andare a Vendemmiare
ma, come tutti i giorni, dovevi correre,
così come da tanti anni, troppi, anni
il furgone del caporale ti stava già ad aspettare
insieme alle compagne per andare a lavorare
Lontano da casa, quella mattina a Policoro

Correva il furgone fra il silenzio della notte
Un viaggio infinito di quasi due ore
Poche parole, un solo buongiorno
Dormivano tutte mentre si andava via
e come sempre, ogni giorno da anni
Nascondevano rannicchiate il proprio sogno
Le teste appoggiate al vetro freddo
Strette fra sedili consumati dal tempo
e il puzzo del gasolio e terra secca
Riempivano così di vita e un piccolo tepore
Quel piccolo mondo di speranze e fatica

Sembrava il primo raggio di sole
Quel faro improvviso in mezzo alla strada
Invece era il graffio della morte che
Colpiva al cuore quel pugno di vite
Non restò per nessuno di loro
nemmeno un attimo, un pensiero
Per un ultimo abbraccio dei loro occhi
Per un ultimo sguardo al cielo dell’alba
E anche il tuo sogno, si spense di colpo

Graziella, ora sei un raggio di luna
pelle fredda come neve silenziosa
accanto a cumuli di altri pallidi dolori
senza più il tuo sorriso da raccontare
provo ancora a seguirti con i ricordi
per non dimenticare i tuoi sogni aperti
quelli lasciati sul vetro ancora appannato
dalla nebbia e dalla vita spietata
quella fatta di giornate senza storie
dove solo un piccolo sorriso stanco
riempiva le stanze di questa casa
adesso solo nostra
senza te a me vicino
Graziella, addio, amore mio.]

Motivazione:

Struggente poemetto sull’abbandono, quello più doloroso. La vita racchiusa in un giorno, non diverso dai tanti altri trascorsi “senza na stòrie” insieme, eppure il giorno che chiude una vita, il cui ricordo condensa, come su un vetro, l’alone dei sogni ancora aperti. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “Razejelle” meritevole del 1° posto nella sezione poesia in dialetto.

2° classificata: Ucchiuzzi birbanti (Giuseppe Bellanca – San Cataldo, CL)

Cuntenta juchi
ccu i pupi di pezza.
Facciuzza priata,
ucchiuzzi birbanti.
Assittata ‘nterra
ci duni u lattuzzu,
ci lavi a facciuzza,
ci du tanti vasati.
Na manazza t’afferra,
ti strascina dda n’agnuni,
ti marturia i carni,
ti strazza u cori.
Nni l’agnuni ristasti
senza nu filu di vuci
i to pupi talianu
chianginu ccu tia.
L’ucchiuzzi birbanti
nun ridinu cchiù,
nnu cori ti purti
stu ranni duluri.

[Occhietti furbetti – trad. in italiano a cura dell’autore

Contenta giochi
con i pupazzi di pezza.
Visino contento
occhietti furbetti.
Seduta a terra gli dai il latte,
gli lavi il visino,
gli dai tanti baci.
Una mano ti prende,
ti trascina in un angolo,
ti martoria le carni,
ti strappa il cuore.
In un angolo sei rimasta
senza un filo di voce
i tuoi pupazzi guardano
piangono con te.
Gli occhietti furbetti
non ridono più,
nel cuore ti porti
questo grande dolore.]

Motivazione:

Canzonetta di infinita grazia e compostezza, densa di preziosismi fonici e stilistici, capace di soffondere in tono elegiaco i sentimenti già lievi, ora gravi, di una innocenza strappata. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “Ucchiuzzi birbanti” meritevole del 2° posto nella sezione poesia in dialetto.

3° classificata: Fiùm ch’avònta (Daniela Gregorini -Fano, PU)

Fiùm che crèsc’
Fiùm ch’avònta
A tiralla spèss
La corda s’ stronga!

Fiùm ch’ dvènta ‘na pianàra
Fiùm ch’arcòpr l’omn e l’ càs
L’omn ch’ fa granata para
E fabbrica anca tl’orèll del vàs.

Fiùm che curr
Fiùm ch’ immalta
Omn fort, lascia pu-r,
Ch’ si nn te scansi, lù t’arbalta!

Fiùm che scarpìsc’
Fiùm ch’ stolza dal lètt
L’omn ancora nn te capisc’
Ancora nn te porta rispètt.

Fiùm ch’ fai l’aluviòn
Fiùm ch’ batezzi ma la terra
L’omn, ch’ è ‘n capociòn,
Vrìa la pac’, pù… t’ fa la guerra!

Fiùm che crèsc’
Fiùm ch’ avònta
A tiralla spèss
La corda s’ stronga!

[ Fiume che esonda – trad. in italiano a cura dell’autore

Fiume che cresce
Fiume che esonda
A tirarla spesso
La corda si stronca.

Fiume che diventa una piena
Fiume che ricopre l’uomo e le case
L’uomo che non bada a nulla
E costruisce anche sull’orlo del vaso.

Fiume che corre
Fiume che infanga
Uomo forte, lascia pure,
Che se non ti scansi lui ti ribalta!

Fiume che sradica
Fiume che salta dal letto
L’uomo ancora non ti capisce
Ancora non ti porta rispetto.

Fiume che fai l’alluvione
Fiume che battezzi la terra
L’uomo, che è sapientone,
Vorrebbe la pace, poi…ti fa la guerra!

Fiume che cresce
Fiume che esonda
A tirarla spesso
La corda si stronca.]

Motivazione:

Poesia dal ritmo di una canzone popolare, come popolare è la saggezza che vi è racchiusa e la sferza della denuncia, fatta della stessa corda del fiume umanamente offeso. La giuria della VI edizione del Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli” ha ritenuto la poesia “Fiùm ch’avònta” meritevole del 3° posto nella sezione poesia in dialetto.

0 Risposte a “Le poesie vincitrici del VI Concorso di Poesia “Cesare Vedovelli””


  1. Nessun commento

Lascia un commento