Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

dicembre: 2009
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Archivio

Online



Loro non abitano qui

Pubblichiamo la tesi di laurea di Elena Starna “Loro non abitano qui: vecchi e nuovi residenti in un quartiere di Senigallia” presentata l’Anno Accademico 2007/2008 per la Facoltà di Conservazione dei Beni Culturali – Corso di laurea in Cooperazione Internazionale, Tutela e Regolazione dei Diritti e dei Beni Etno-culturalidell’Università di Bologna.

Rione Porto, di Sergio Cardellini

Rione Porto di Senigallia, foto di Sergio Cardellini

L’autrice affronta con coraggio il delicato tema della presenza dei migranti nella realtà senigalliese, con particolare riferimento al Rione Porto, dove più forti, in questo decennio, sono state le tensioni fra vecchi e nuovi residenti. Elena Starna traccia una breve storia del quartiere e della sua composizione sociale, articolando il suo lavoro in tre capitoli, dedicati rispettivamente alle questioni dell’abitazione, della criminalità- (in)sicurezza e dell’integrazione. La riflessione antropologica si stende su una preziosa dovizie di  dati statistici, articoli giornalistici e personali colloqui e  interviste, sulla cui veridicità (o fallacia) l’autrice non manca mai di esercitare il proprio libero spirito critico. Ma senza preclusioni, perché -concordiamo- “Rinunciare ad ascoltare questi racconti, racchiudere i nuovi arrivati in un tutto indifferenziato e minaccioso per la “nostra” cultura, significherebbe perdere un’occasione irripetibile per costruire un tessuto di vita comune. Anche a Senigallia”.

La tesi di laurea si può scaricare liberamente in formato PDF [1,29 MB]

3 Risposte a “Loro non abitano qui”


  1. 1 dario petrolati Gen 13th, 2010 at 7:24 am

    si lo so
    ho cercato senza trovare
    loro noi chi non vorremmo LORO non abitano più quì
    dove
    e chi lo sa
    dispiace addolora
    è una perdita eterna

    allora si resta col male di testa
    ed il dubbio sempre

    dario.

  2. 2 dario petrolati Gen 13th, 2010 at 7:28 am

    c’è da dire pensare e dubitare
    quassù
    ma quanto è grande
    largo
    più del mare e del cielo

    abitare
    attendere
    credere di esserci stato
    dario.

  3. 3 dario petrolati Gen 13th, 2010 at 7:36 am

    se pensi e giuri di esserci stato
    allora menti

    credi
    ti abbiano raccontato
    hai creduto
    e senti il luogo dentro
    ma loro non abitano più quì
    tutto è stato un supposto tentativo
    e non ci sarà ancora.
    dario.

Lascia un commento