Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

settembre: 2008
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

Archivio

Online



I vincitori del Terzo Premio di Poesia “Cesare Vedovelli”

Riportiamo qui di seguito, in ordine di arrivo, l’elenco delle poesie finaliste del Terzo Premio di Poesia “Cesare Vedovelli” di San Silvestro di Senigallia, e i testi delle prime tre classificate per ciascuna delle due sezioni del concorso, lingua italiana e dialetto.
Le poesie sono state premiate venerdì 29 agosto, a San Silvestro.

– Sezione in lingua italiana

Sorgente forestiera di Leone D’ Ambrosio – Latina
Treno per Monaco via Trento di Antonio Villa – Formia (Latina)
Giugno di Federica Galli – Reggio Emilia
Ricordo remoto di Sara Piacentini – Romano di Lombardia (Bergamo)
Apologia di un amore di Anna Maria Obadon – Ancona
Colori di campagna di Pietro Baccini – Savona
La vita di Gianni Balercia – Ancona
Senza scarpe di Patrizia Macchelli – Rimini
Nox di Giovanni Bottaio – Bologna
10° Raccontami del cielo di Angelo Colucci – Lodi
 

– Sezione in dialetto

Esiliu metropolitanu di Giuseppe Tirotto – Castelsardo (Sassari)
Vente d’aprile di Floredana De Felicibus – Atri (Teramo)
Cara amica luna di Letizia Greganti – Marina di Montemarciano (Ancona)
Pensieri da munéllu di Pietro Anderlucci – Cupramontana (Ancona)
Turista a Jesi di Floriana Alberelli – Jesi (Ancona)
Quel dì lontan da cà di Marina Bortolotti – Trento
‘A Primmavera di Vincenzo Cerasuolo – Marigliano (Napoli)
Murì na bona vòta di Pietro Baccino – Savona
La bora di Andrea Mozzanti – Marina di Montemarciano (Ancona)
10° Alle cinque torri di Franco Ponteggi – Bagnacavallo (Ravenna)

 

– Lingua italiana

(3° classificato)
Giugno

Stanco,
stremato,
in questa bianca arsura di giugno
un altro giorno si accascia
sul limitar della sera.

E non c’è speranza
per la conchiglia spiaggiata
che ieri ancora cantava
le nostre canzoni d’amore.

(Federcica Galli)

 

(2° classificato)
Treno per Monaco via Trento

“Da Napoli Centrale per Monaco via Trento,
treno in partenza dal binario dieci”…
Abbracci, guance di baci a piuma,
Appena arrivi, scrivi“. “Bada ai bambini…“.
Un fischio lungo sbatte la portiera…
Stormi di mani volano lontano
a sparire nel rosso della sera.
Anni Sessanta. Sciamano i migranti
dalle arnie del Sud…

Avranno pane mielato
le donne sole. Incubi la notte.

Nello scomparto, dal fazzoletto bianco
evade un singhiozzo mascherato da tosse.
Un uomo forte non piange
e si alza a sistemare le valigie.
La voce rompe il cerchio dei pensieri:
A mio figlio lo farò studiare“…

Io, studente a Napoli,
penso a mio padre, ai tempi del Fascio
emigrato, in Germania, in Albania…
Chiedeva pane e lavoro. Lo corressero:
lavoro e pane! Non avevano visto quelle mani
allenate alla preghiera del povero, da piccine.
Meglio una pariglia di buoi a spasso
che un giovane in ozio
; la pianta
deve crescere diritta
– sentenziava
la Bibbia del lavoro, il nonno.

E mio padre crebbe con le mani dure,
spaccate dalla calce
per le carezze più tenere;
mani missionarie e comuniste
che inchiodavano casseforme nei cantieri
e intagliavano nel legno
il Cristo crocifisso.

(Antonio Villa)

 

(1° classificato)
Sorgente forestiera

La sera muore nel dimenticato cielo,
dorme il mare in un dimesso abbraccio
e scioglie l’arsura alla sorgente forestiera.
Ti vestirai da sposa nel sonno mio
e avrà gloria l’inverno nel cuore.
Ho radici mature per terra sarchiata
e la pazienza tenuta al guinzaglio
perché saprò dove trovarti.
Dovrò abituarmi al tuo fuoco oscuro,
io t’amo in un lampo di melograno.
Eccoti vento, tu che portasti via
i miei ostinati cavalli da Patmos
con la paura di pietra affacciata alla finestra.

(Leone D’ Ambrosio)

 

– Dialetto

(3° classificato)
Cara amica luna

T’arcordi? Quant fiola, malì
Cla casulina mia, rampinata
Su ‘na custona, ‘ntra canneti
E fratt, com ‘na cova d’ passeri.

Gran cacigoria d’ giorn, quant
tetra e spaurita d’ nott
Da famm tremà, d’ paura
sol al pensier d’ guardà fora.

Ma quant tu, cara amica luna
Argentand ‘l mar t’infilavi
‘ntra canne e vent, disegnand
‘nt-l mur ombr svulazzant.

Voc antigh rumpev.n n’t-l fessur:
(Guarda oltra l’cann, oltra me, oltra
‘l c’el; ‘nt’ par d’ ved angiuli in vol?)
Struppand.m dal pensier ch-l’ombr più scur.

Mess l’ penn ho lasat canneti, fratt
A un frull d’al da malì.
Tu sculori, t’ storci, artiri, intorna
M’ giri, argiri, p.r ess sempr malì ugual
‘nt-l stess mar, d-l stess splendor.

Io sto imbiancand, sturcend, artirand, e po’?
E po’, t’infilarai tu, ‘ntra dubbi, ombr
Com ‘ntra vent e cann, arcurdand.m
D’ guardà oltra.

CARA AMICA LUNA
Ti ricordi quando fanciulla, lì/ quella mia casetta, arrampicata/ su un costone, tra canneti/ e fratte, come un nido di passero.// Gran frullare di giorno, quanto/ tetra e spaventata di notte,/ da farmi tremare di paura,/ solo al pensiero di guardare fuori.// Ma quando tu, cara amica luna/ argentando il mare, t’infilavi/ tra canne e vento, disegnando/ nel muro ombre svolazzanti.// Voci antiche irrompevano nelle fessure:/ (Guarda oltre le canne, oltre me, oltre/ il cielo; non ti sembra, di vedere angeli in volo?)/ Strappandomi/ dal pensiero quelle ombre più scure.// Messe le penne ho lasciato canneti, fratte/ ha un frullo d’ali da lì./ Tu scolori, ti storci, ritiri, intorno/ mi giri, rigiri per essere sempre lì uguale,/ nello stesso mare, dello stesso splendore.// Io sto imbiancando, storcendo, ritirando, e poi?/ E poi, t’infilerai tu, tra dubbi, ombre/ come tra vento e canne, ricordandomi/ di guardare oltre.

(Letizia Greganti)

 

(2° calssificato)
Vente d’aprile

Arcoje stu vente stamatine
nuvole ch’arcame lu cile d’allegrie,
arnove na canzone troppe belle
tignenne li jurnate
de n’addore spensierate.
Museche se sfronne da li fronne,
s’armicchie tra li foije nu suspire,
se specchie a nu pantane nu penzire
asciutte de recurde stracche e nustalgie.
La terre tutte s’ha scurdate,
de lu verne de quande n’ha passate,
lu strizze e tutte li gelate,
la noije de la uazze
e la vuleije de rennove.
Ha vastate na sperelle stamatine,
nu ciuffe de speranze là lu prate,
nu giacinte ritte e la cocce abbuttate,
na farfalle ‘ngenue ce s’ha puntate
e la primavere ‘nbacce j’ha scuppiate.

VENTO D’APRILE
Raccoglie questo vento stamattina/ nuvole che ricamano il cielo d’allegria,/ rinnova una canzone troppo bella/ dipingendo le giornate/ di un odore spensierato./ Musica si sfronda dalle fronde,/ si rimischia tra le foglie un sospiro,/ si specchia ad un pantano un pensiero/ asciutto di ricordi e nostalgia./ La terra tutto ha dimenticato,/ dell’inverno e di quante ne ha passate,/ il freddo e tutte le gelate,/ la noia della brina/ e la voglia di rinnovo./ È bastato un venticello stamattina,/ un ciuffo di speranza là nel prato,/ un giacinto dritto e la testa abbottata,/ una farfalla ingenua ci si è postata/ e la primavera in faccia l’è scoppiata.

(Floredana De Felicibus)

 

(1° classificato)
Esiliu metropolitanu

   V’érani dì sciuppaddi i lu caddrammu,
d’aria bassa ammisciadda a lu vilenu,
e a l’affutta strinta i li pugni
ghjladdi i li busciàccari. E intantu
no passava lu 57, puntuali di tuti blu
e studenti i l’ora affugadda
primma e a poi lu tempu impoddaddu
drentu frabbigghi tecchji di sudori.
N’agghju pessu e pigliaddu
tranvi e treni, cegghi di lugi,
cegghi sottuterra, sempri
in ansciu, sempri a cori in gola
pa’ carreri pa’ tempi cussì
distanti, cussì divessi da li mei,
undi lu pinsamentu ci bulava
accò l’iddìa in ghjru
a l’anima mi s’appuntiddava.
   Un aiggiu e turrava lu calori
cu’ li casi i l’oru di lu mari
cumente pegni stesi ad asciuttà
e zicchirri di piccinni a un alenu
currendi fattu a lu sonniu d’una boccia.
Zicchirri chi a li volti capitava
d’intindì puru i li corti di nudda
insarraddi in muri troppu alti
pa’ sibistavvi un zàppulu d’azzurru.
Corti strinti da viali
larghi e bugghjosi, chi a l’eva e di notti
unu pricisu a l’altru pàrini, tutti
e nisciunu, chena una
stredda chena unu stràcciulu di luna
e signalati undi sei e ca’ sei, si no calchi
lugi mori mori di lampioni
e n’aìi asgiu d’asittà lu 57
cù l’affutta strinta i li pugni
ghjladdi i li busciàccari,
sempri sunniendi un’isula di soli.

ESILIO METROPOLITANO
C’erano giorni sciupati nel catrame,/ d’aria bassa mischiata col veleno,/ e alla rabbia stretta nei pugni/ gelati nelle tasche. E intanto/ non passava il 57, puntuale di tute blu/ e studenti nell’ora topica/ prima e dopo il tempo faticato/ dentro fabbriche dense di sudore./ Ne ho persi e presi/ tram e treni, ciechi di luce,/ ciechi sottoterra, sempre/ in ansia, sempre a cuore in gola/ per strade per tempi così/ distanti, così diversi dai miei,/ dove il pensiero volava/ quando il gelo attorno/ all’anima mi si attorcigliava./ Un attimo e ritornava il calore/ con le case sul limite del mare/ come panni stesi ad asciugare/ e grida di bambini a perdifiato/ correndo dietro al sogno di un pallone./ Grida che alle volte capitava/ d’udire anche nei cortili di nulla/ chiusi in muri troppo alti/ per scorgervi un brandello d’azzurro./ Cortili stretti da viali/ larghi e cupi, che alla pioggia e di notte/ uno uguale all’altro sembrano, tutti/ e nessuno, senza una/ stella senza uno stracciolo di luna/ a indicarti dove sei e chi sei, se non qualche/ luce tremolante di lampione/ e ne hai voglia d’aspettare il 57/ con la rabbia stretta nei pugni/ gelati nelle tasche,/ sempre sognando un’isola di sole.

(Giuseppe Tirotto)

Primavera, luna e natura i temi dominanti del Terzo Concorso Vedovelli (articolo su Vivere Senigallia, con contributi video)

1 Risposta a “I vincitori del Terzo Premio di Poesia “Cesare Vedovelli””


  1. 1 DARIO PETROLATI Set 17th, 2008 at 4:26 pm

    GIUGNO di FEDERICA GALLI è la poesia che più mi ha commosso,anche.
    grazie per la segnalazione.
    dario

Lascia un commento