Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

aprile: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

Archivio

Online



By the lady – In una donna tutte le donne

Reading spettacolo a cura dell’Associazione Interculturale Amàrantos sull’epistolario di Jane Austen.

Venerdì 6 aprile, ore 21.00, all’Auditorium San Rocco di Senigallia.

Nell’ambito della rassegna “Sotto il segno delle donne“, a cura del Comune di Senigallia – Assessorato alle Pari Opportunità, l’Associazione Interculturale Amàrantos, in collaborazione con Liceo Psicopedagogico Perticari di Senigallia, ha organizzato un reading spettacolo sulle lettere giovanili di Jane Austen. Un vivace ritratto sulla società inglese di fine Settecento e un punto di partenza per affrontare il tema della condizione della donna e della sua evoluzione nel tempo.

Il reading sarà accompagnato da momenti di spettacolo, con letture e interventi a cura dei ragazzi della classe II E del Liceo Psicopedagogico Perticari di Senigallia.

By the lady: così Jane Austen, scrittrice inglese vissuta tra il Settecento e l’Ottocento (nel 2017 è stato celebrato il bicentenario della morte) firma il suo primo romanzo “Ragione e sentimento”. L’autrice, che raccontò vicende immortali e creò un genere a cui si ispirarono tanti altri autori, ci rimanda uno spaccato della società inglese di fine Settecento, in cui giovani donne appartenenti, in genere, alle classi medio alte, con cura e atteggiamenti raffinati e ironici impegnavano la loro vita alla ricerca di un buon “partito” per sistemarsi. Alla morte prematura di Jane Austen fu il nipote che fece pubblicare gran parte dei suoi lavori che lei, come donna, non aveva nemmeno potuto firmare col suo nome.

I componenti dell’Associazione Amàrantos leggeranno una scelta di lettere tratta da un epistolario che l’autrice scrisse quando era molto giovane. Seguirà la lettura da parte degli alunni della II E del Liceo Psicopedagogico Perticari di Senigallia di alcune poesie di autrici angloamericane appartenenti allo stesso periodo. Una situazione, quelle delle donne in Inghilterra che cambierà, contestualmente alla grande rivoluzione economica e industriale in Gran Bretagna, quando entreranno in azione le Suffragette, un movimento per l’emancipazione femminile, che lottò per la conquista del diritto di voto e per reclamare un posto nella società. Evento che influenzerà anche le altre società europee, compresa quella italiana, che ottenne la parità nel diritto di voto solo nel 1946, dopo una lunga e sanguinosa guerra mondiale e la Resistenza a cui le donne avevano partecipato, combattendo nelle file dei partigiani, come Joyce Lussu che ottenne, la prima volta per una donna, la medaglia d’argento al valore. I ragazzi leggeranno qualche brano tratto dai numerosi saggi della scrittrice. Il percorso dei diritti conquistati dalle donne è stato lungo e non certo facile (e molto resta ancora da fare) in una società, quella degli anni ’60, conformista, troppo legata al passato e a schemi destinati a essere messi in discussione da giovani donne che vollero fortemente un cambiamento nei rapporti fra i generi e nelle condizioni di vita di allora. Non più soggezione e negazione dell’essere donna, non più autoritarismi all’interno della famiglia e della scuola, ma partecipazione nella vita pubblica ed autodeterminazione nelle scelte riguardanti la vita di tutte e di tutti.

Questo percorso è stato proposto dall’Associazione interculturale Amàrantos con la collaborazione degli insegnanti del Liceo Psicopedagogico di Senigallia:

Prof. Roberto Mancini – Lettere
Prof. Patrizia Pasquali – Pedagogia
Prof. Daniela Pieragostini – Lingua inglese

1 Risposta a “By the lady – In una donna tutte le donne”


  1. 1 DARIO PETROLATI Apr 6th, 2018 at 10:18 am

    se non fossi quassù

    così distante

    certo verrei
    anche perchè so quanto impegno osate nelle vostre iniziative.

    Sicuro della comprensione di coloro che saranno con Voi -poso i miei più cari saluti ed auguri,
    dario.

Lascia un commento