Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

maggio: 2015
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Online



I finalisti della XXVIII edizione del Premio Italo Calvino

L’Associazione per il Premio Italo Calvino è lieta di rendere noti i nomi dei finalisti della XXVIII edizione:

logo-premio-calvino

Daniel Di Schuler, Alberto Kappa. Note di un risveglio

Carlo Loforti, Il calcio è un bastardo 

Federico Muzzu, Condizioni di frattura

Alessandro Tuzzato, L’inutilità dei buoni

Veronica Galletta, Le isole di Norman

Massimo Franceschelli, Italia

Cristian Mannu, Maria di Ísili

Valerio Callieri, Teorema dell’incompletezza

Yasmin Federica Incretolli, Ultrantropo(rno)morfismo

La giuria della XXVIII edizione è composta da Paolo Giordano, Dacia Maraini, Francesco Permunian, Fabio Stassi e Chiara Valerio.

Il vincitore sarà proclamato nella  cerimonia di premiazione che avrà luogo a Torino il 26 Maggio 2015 alle ore 17.30 presso il Circolo dei Lettori in via Bogino 9.

1 Risposta a “I finalisti della XXVIII edizione del Premio Italo Calvino”


  1. 1 Antonio Maddamma Mag 28th, 2015 at 8:46 am

    PREMIO ITALO CALVINO – 28a EDIZIONE

    COMUNICATO DELLA GIURIA

    La Giuria decide di assegnare il premio ex aequo ai romanzi Maria di Ísili di Cristian Mannu e Teorema dell’incompletezza di Valerio Callieri. Maria di Ísili si colloca con timbro originale nel solco della sempre viva e fruttuosa tradizione sarda: testo denso e compiuto, dal sorprendente respiro metrico, fatto di una polifonia di voci, tra le quali si staglia quella della protagonista, una donna che, nel tragico inanellarsi degli avvenimenti, incurante degli interdetti sociali, segue la legge del desiderio. Teorema dell’incompletezza con spirito fresco e ardimentoso, avvalendosi di una variegata tastiera linguistica, affronta in modo documentalmente inappuntabile uno scorcio di storia italiana, gli anni del conflitto sociale e del terrorismo, in stretto intreccio con la realtà desublimata e postpolitica di oggi, un presente nel quale il fantasma del passato si insinua con effetti perturbanti.

    Una menzione speciale della Giuria va ad Alberto Kappa. Note di un risveglio di Daniel di Schuler. Un oggetto misterioso, stratificato, enciclopedico, racchiuso nel tempo di un risveglio mattutino, dall’apparente tratto divagante e dall’attitudine giocosa, che, senza parere, dispiega con ingegnosità, attraverso l’occhio di un uomo qualunque, una storia antropologica dell’Italia dagli anni sessanta ad oggi.

    Una seconda menzione speciale della Giuria va a Ultrantropo(rno)morfismo di Yasmin Incretolli, romanzo fieramente «ultrasperimentale», che, in una sorta di esibita estetica del disagio e della sgradevolezza, persegue l’estremo. Gli esiti sovente inediti ed efficaci dell’ardua scelta stilistica e l’intensità della passione adolescenziale narrata rendono il testo della giovanissima autrice un’interessante scommessa.

Lascia un commento