Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Offerto da FeedBurner

LibriSenzaCarta su:

YouTube

Calendario

dicembre: 2006
L M M G V S D
« Nov   Gen »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Archivio

Online



Peccati da galera

Prefazione de La congiura Fornaciari (capitolo 14, segue dal capitolo 13)

Il Tribunale Ecclesiastico, sapete, è differente da quello civile perché non ha un codice definito da applicare; la sua funzione è soltanto correttiva, e le colpe che vengono perseguite non sono considerate reati, ma peccati. Si entra nella sua giurisdizione solo quando i soggetti già ammoniti a cambiar vita dimostrano di non essersi emendati e ricadono nelle loro cattive abitudini. Il tribunale ecclesiastico è molto benevolo: prima di emettere una sentenza considera tutte le attenuanti che vengono addotte.

Ma questa elasticità e relativa mitezza hanno un rovescio piuttosto spiacevole. Il fatto che le pene non rispondano a un codice preciso apre le porte a una larghissima arbitrarietà. Inoltre il Vescovo, coadiuvato da foranei e parroci, esercita un controllo invasivo su cui la voce pubblica influisce molto. In qualsiasi momento può avvalersi della manoregia per far arrestare chi gli pare per motivi di scandalo o per altri reati… pardon, peccati. Ti sbatte dentro senza preavviso e ti lascia marcire fino a quando non sta bene a lui; poi magari ti libera sotto Natale per mostrare a tutti com’è buona e clemente la sua autorità.

Sta di fatto che il nostro giovanotto per due volte sbatte il muso contro il Foro Episcopale: una prima quando il Vicario del Vescovo ribalta in suo sfavore una precedente sentenza del tribunale civile e lo condanna a pagare l’avvocato Fossi; una seconda quando una sua amante che da lui aveva avuto tre illegittime pregnanze, con la scellerata madre viene trattenuta nelle carceri episcopali per scontare rispettivamente le colpe di adulterio e favoreggiamento; la qual cosa Fornaciari sopporta così male che per poco non va fuori di testa.

Non c’è dubbio: se esiste qualcuno, tra i tanti che gli hanno fatto torti, con il quale il ribelle può avercela particolarmente, costui non è altri che il suo anonimo biografo, il vescovo Honorati. (continua…)

(Prefazione a La congiura Fornaciari, capitolo 14, segue dal capitolo 13, continua nel capitolo 15)

0 Risposte a “Peccati da galera”


  1. Nessun commento

Lascia un commento